Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l’emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d’amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d’amore.

 

Alda Merini

 

8 marzo

Facebook
Twitter
Google+
http://www.officineterredimezzo.it/blog/8-marzo/
Linkedin
Categorie: Poesia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Statistica

L'analisi statistica e visione dei post, avviene con Ip anominizzato.

_ga, _gat_gtag_UA_87396210_9, _gid, _gat_gtag_UA_87396210_9

Sistema

Questi cookie servono al sito per funzionare meglio e per memorizzare le tue preferenze riguardo i cookie.

_hp2_id.1333772602, _hp2_id.1333772602, __smListBuilderShown, __smToken, __smUser gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types], wordpress_c6a8072179e78fac173385deaf55f49a, wordpress_c6a8072179e78fac173385deaf55f49a, wordpress_logged_in_c6a8072179e78fac173385deaf55f49a, wordpress_test_cookie, wp-settings-1, wp-settings-time-1